• Veduta del giardino e della rampa per i diversamente abili
  • Esempio di appartamento
  • Castagneto in autunno
  • Veduta dal Gazebo

Chiesa di Santa Maria degli Angeli

Il titolo di S. Maria degli Angeli compare per la prima volta nel 1851: precedentemente questa chiesa veniva indicata come "Santa Maria intra moenia" o " S. Maria ad intra".

Essa, al centro della città, tra tutte le chiese di Acerno era la più funzionale sia per la sua collocazione sia  perché, pur non essendo stata mai Cattedrale, "loco Cathedralis deservit" (funge da Cattedrale) e " ab immemorabili" (a memoria d'uomo) il Capitolo Cattedrale vi svolgeva le sue funzioni, per cui tra i suoi titoli aveva anche quello di Vicecattedrale. Acerno (le altre due erano S. Matteo e S. Marco - oggi distrutta) la cura delle anime fu assunta dal Capitolo e la sua prima dignità, l'Arcidiacono, ne era il Parroco.

La presenza abituale del Capitolo dei Canonici finiva col favorire anche l'affluenza del restante clero cittadino, per cui veniva trascurata la cura delle anime delle parrocchie di S. Matteo e S. Marco.

continua a leggere da acernotiaccoglie.it